Economia & Imprese

UNA FUGACE OMBRA…

By 23 Febbraio 2015 Maggio 15th, 2015 No Comments

Una fugace ombra sul volto di Ganassi, solerte dirigente di Aimag, alla domanda rivoltagli dal consigliere comunale Pettenati,riguardante la ventilata fusione Aimag­Hera.

Per circa un’ ora, Ganassi ha spiegato in Consiglio Comunale l’evoluzione industriale di Aimag nell’arco di dieci anni: presentazione brillante, a tratti affascinante, pur riguardando temi tutt’altro che facili come i rifiuti e la raccolta differenziata, l’organico, il compost , le discariche, i concimi e compagnia bella!.

Uomo colto, innamorato del proprio mestiere e sicuramente soddisfatto dei grandi e positivi sviluppi di Aimag che, anche grazie a dirigenti colme lui, capaci e appassionati, è diventata tra le principali multiutility italiane. Ma come era soddisfatto nello svelare i prossimi sviluppi della raccolta differenziata con tutti i vantaggi economici ,sociali e, perchè no, anche culturali che tutto ciò comporterà !

E poi la domanda di Pettenati : una fugace nuvola, come un pensiero triste, accompagnato da corrugamento della fronte che diceva tante cose.

Diceva della preoccupazione che con Hera tutto sarebbe cambiato; diceva della consapevolezza che i progetti innovativi rivolti al territorio e alle famiglie avrebbero subito un arresto e i fondi per la ricerca e innovazione si sarebbero diluiti in mille rivoli per soddisfare i molti azionisti .

Il fervore con cui parlava del suo lavoro gli aveva fatto dimenticare il contesto in fase di evoluzione sia legislativo che societario in cui in queste settimane si dibatte Aimag che, nonostante la grande attenzione al territorio e alla comunità servita e nonostante la grande competenza nella gestione dei servizi pubblici, potrebbe cambiar di mano e venir inglobata in Hera che, come si sa , è una grande azienda quotata in borsa.

Cosa rispondere allora a Pettenati ? Il buon Ganassi passa la palla ai politici, cioè a Mirco Arletti che muovendo appena i grossi baffi bianchi dice che c’era già stata una riunione dei sindaci azionisti e che lui, da presidente di Aimag, non potrà fare altro che ubbidire alle decisioni prese ( senza però dire quali e perchè ).

Una risposta secca, inutile ed irrispettosa per noi Consiglieri comunali che da giorni chiediamo in tutti gli ambiti notizie sui piani di fusione o vendita con Hera, cerchiamo di capire se esistono piani industriali e chiediamo di conoscere l’entità ed i termini economici delle trattative . A volte noi Consiglieri dell’opposizione veniamo trattati come corpi estranei, da maneggiare con cura quasi che facessimo accordi segreti con chissà quale nemico , anche quando , come in questo caso ,siamo solo preoccupati di perdere quella realtà industriale sana ed efficiente che è il gruppo Aimag .

Coraggio Ganassi ! Stai sereno che cambierai, che sicuramente lavorerai meno ( quando si perde l’entusiasmo si lavora meno ) e che, forse, non dovrai vedere tutti i giorni i baffi bianchi di Arletti.

Dico forse perché, anche se Aimag affonda , qualcuno o qualcosa riesce sempre a galleggiare.

FIRMATO

GIORGIO VERRINI

CONSIGLIERE COMUNALE DI CARPI FUTURA