Salute & FamigliaSicurezza & Territorio

Parco della Resistenza: decoro e trascuratezza

By 1 Ottobre 2020 No Comments

MOZIONE: PARCO DELLA RESISTENZA

Il Parco della Resistenza è compreso tra le vie Cipressi, Catellani, Lenin, Boccalini. Situato di fronte al Cimitero urbano in zona appena esterna al centro storico, ha una superficie di 37.000 mq; presenta molte varietà di piante.

Dal sito del comune leggiamo: “ è stato Realizzato a inizio anni ’70 come sorta di orto botanico su un residuo di piantata esistente. Ha vialetti asfaltati in tutta l’area. E’ dotato di illuminazione, panchine e tavole con seduta, fontanine potabili, telefono pubblico, doggy-box, area giochi per bambini e piccola pista da skate. E’ circondato da ciclabili e servito da parcheggi.Vi è collocata una grande scultura in ricordo della Liberazione dal dominio nazifascista. All’interno è presente un chiosco privato per la ristorazione. Sono presenti chioschi privati di fioristi. Al centro del parco si trova un doppio filare di Taxus baccata”(sic…).

Dato che a breve partirà il progetto del Parco della Cappuccina per la realizzazione di un grande parco pubblico, uno spazio verde con valore ambientale e paesaggistico di importanza strategica, che ha l’obiettivo di integrare la parte ovest dell’urbano immediatamente a ridosso del centro storico, agli altri spazi a verde e le parti circostanti della città attraverso connessioni, percorsi pedonali e ciclopedonali.

il Comune ha investito per sistemare questa parte di città.

Al fine di migliorare l’area verde che diventerà, con il Parco della Cappuccina a fianco, una delle aree verdi più grandi della città,

SI IMPEGNA

sindaco e giunta a intervenire anche sul Parco della Resistenza:

1°) Progettando una nuova area gioco per i bambini, pensando a giochi innovativi anche rispetto all’educazione in natura.

2°) Ripensando all’arredo urbano ormai vecchio e rovinato.

3°) Decidendo cosa fare del monumento in ricordo della Liberazione nazifascista (familiarmente detto dai carpigiani Monumento alla Ruggine) da anni circondato datransenne, che non è sicuramente un bel segno per la città. Anche per il significato importante che dovrebbe trasmettere.4°) Migliorando l’illuminazione, per renderlo percorribile in sicurezza anche di sera.

5°) Risistemando i bagni pubblici che in questo momento sono del tutto indisponibili. (Solo di fronte al parco, all’ingresso del cimitero, sono disponibili i servizi igienici gratuiti aperti contestualmente all’apertura del cimitero stesso).

6°) Pensando a una ricucitura urbana con il Parco della Cappuccina.

 

Anna Colli e Michele Pescetelli Consiglieri comunali del gruppo Carpi Futura