Rassegna Stampa

Rassegna Stampa: Per questo ci chiediamo: ne vale la pena? di M.S. Cabri

By 26 Aprile 2020 No Comments

Carpi Futura scende in campo in merito alla potenziale partecipazione di Aimag alla gara per l’ acquisizione di Unieco- Divisione Ambiente.
«Sono vari gli scenari possibili: l’ ennesima documentazione richiesta dal sindaco Bellelli ad Aimag lo tranquillizzi a favore di questa partecipazione. Per quel che ci riguarda, abbiamo sempre ritenuto pretestuose queste richieste e indicatrici di una precisa volontà politica teleguidata che nulla aveva a che fare con la ricerca del bene comune. Il voto negativo avrebbe invece gravi conseguenze su vari livelli. Nel caso che uno o più Comuni non dovessero dare il loro assenso gli altri Comuni del Patto di sindacato avrebbero diritto ad ottenere da questi un risarcimento: chi pagherà il proprio no alla partecipazione alla gara per Unieco-Ambiente?
Saranno finalmente, e proprio di tasca propria, quelli che hanno inventato cavilli fino ad ora. Non la città, almeno questa volta. Per questo ci chiediamo: ne vale la pena?
Anche perché il Consiglio comunale non sta autorizzando un’ acquisizione, ma la partecipazione ad una gara con altri competitor che non è detto si concluderà con l’ acquisizione di Unieco-Ambiente». «Bellelli – prosegue la civica – ha dato le dimissioni da presidente del Patto di sindacato perché la maggioranza lo ha di fatto sfiduciato, forse capendo che l’ impegno del sindaco nel mettere i bastoni fra le ruote ad Aimag ha motivazioni che vanno oltre il suo ruolo istituzionale, dando l’ impressione di portare avanti un’ incomprensibile crociata non nell’ esclusivo interesse della città». «Infine, ma non da ultimo, lo scenario peggiore che coinvolgerebbe la città intera. A chi giova un’ Aimag debole? Chi è pronto a mangiarsela come quando abbiamo dovuto fare un referendum osteggiato in tutti i modi? Perché abbiamo detto che dopo il referendum non si doveva ancora abbassare la guardia?».
Maria Silvia Cabri.

Il Resto del Carlino (ed. Modena)