Rassegna Stampa

«Il mondo è cambiato, siamo in piena emergenza climatica»

By 13 Luglio 2021 Agosto 2nd, 2021 No Comments

La bretella tra via dell’ Industria e la rotonda autotrasportatori non è più così necessaria secondo il gruppo consiliare Carpi Futura.

E’ stato Sergio Vascotto (foto) a spiegare perché. «Il giorno successivo l’ approvazione del Progetto di fattibilità per la nuova bretella tra via dell’ Industria e la rotonda autotrasportatori da parte del Consiglio Comunale, il sindaco Alberto Bellelli ha postato una video-dichiarazione per farci sapere che “non può accettare” le osservazioni dei gruppi consiliari che non si sono allineati al plauso compiacente della maggioranza. Noi di Carpi Futura abbiamo scelto l’ astensione permettendoci di mettere in dubbio non certo la qualità tecnica del progetto (è il minimo che ci aspettiamo dopo 15 anni di attesa e un costo di 11 milioni di euro) quanto la logica stessa di un’ opera la quale oggi non avrebbe probabilmente tutta la necessità che viene proclamata a gran voce dal sindaco.Perché nei tre anni dall’ ultima campagna elettorale il mondo è profondamente cambiato su un punto più di tutti ed è l’ emergenza climatica. Oggi per diminuire in termini assoluti il traffico privato su gomma e non di renderlo magari più fluido, spostandolo su strade di nuova costruzione. Così per Carpi Futura è cambiato l’ approccio e il giudizio verso quest’ opera che tre anni fa valutammo “necessaria” perché ritenevamo “logico” il discorso che fa il sindaco di chiudere l’ anello delle tangenziali. Ora invece ci chiediamo – anche con angoscia – se non ci siano altre soluzioni che ci consentano di preservare 80.000 metri quadrati di campagna, ad esempio attraverso uno smezzamento del traffico proveniente da ovest e diretto verso sud-est all’ autostrada o a Modena o a Reggio utilizzando le vie Griduzza e Cavata, oppure la realizzazione di alternative ciclabili per il movimento pendolare su Fossoli».

 

Il Resto del Carlino-Modena 13/7/2021vascotto